I ricci di mare? Si mangiano nei mesi con la R

ricci

Sei un amante dei ricci? Oggi vogliamo raccontarti come gustare al meglio questi prelibati frutti di mare con gli aculei.

Nella polpa arancio, gelosamente custodita al loro interno, racchiudono in un sol boccone il gusto del mare, la suggestione di momenti trascorsi laddove le onde si infrangono sugli scogli.

Il più comune presente nel Mediterraneo è quello che molti chiamano “riccio femmina”, per distinguerlo (erroneamente) dal riccio nero dalle lunghe spine che viene chiamato maschio ma che in realtà appartiene ad un’altra famiglia, quella degli Arbaciidae.

Hai mai sentito dire che: “i frutti di mare si mangiano nei mesi con la R”?. In realtà questo detto risale a quando i frigoriferi non esistevano ancora, per imporne il consumo solo nei mesi invernali ed evitare così spiacevoli mal di pancia.

Eppure, tutt’oggi, questa frase rimane molto azzeccata poiché i ricci sono vuoti solo d’estate e pieni per quasi tutto il resto dell’anno, col picco a primavera.

Ecco perché febbraio è il momento giusto per assaporare queste prelibatezze. Da noi li troverai freschissimi, da gustare crudi o proposti dallo chef con i tagliolini di Campofilone.

Chiama lo 06 6874927 e vieni a gustare un’autentica prelibatezza.

 

Love affair: I ricci di mare? Si mangiano nei mesi con la R

Lascia un commento